Masaru Emoto e i cristalli d’acqua

Masaru Emoto (Yokohama 22/7/1943 – 17/10/2014), scienziato e ricercatore laureato all’Università municipale di Yokohama con una specializzazione in relazioni internazionali. Nel 1986 ha fondato IHM Corporation a Tokio. Nell’ottobre 1992 ha ottenuto un attestato relativo alle medicine alternative rilasciato dall’istituto privato Open International University For Alternative Medicines.

“L’acqua che sgorga da sorgenti vive creano cristalli più belli delle acque di falde acquifere trattate artificialmente.
L’acqua che forma cristalli in modo strutturato (acqua strutturata) ha maggiore potere vivente.”

Egli ha messo a punto una tecnica per esaminare al microscopio e fotografare I cristalli che si formano durante il congelamento di diversi tipi di acqua. L’esperimento viene condotto in questo modo: una goccia di ogni tipo di acqua da analizzare viene riposta in una coppa e poi congelata per circa tre ore a una temperatura di – 20/25° C. In ogni coppa si forma così un blocchetto di ghiaccio che la tensione superficiale rende perfettamente sferico. Poi, i singoli blocchetti vengono illuminati dall’alto e osservati al microscopio. A quel punto, è possibile vedere il cristallo.

C’è acqua con cristalli simili tra loro, acqua che non ne ha affatto e acqua formata da cristalli danneggiati. Le immagini osservate a microscopio mostrano come l’acqua sia quasi un nastro magnetico liquido in grado di registrare in modo molto sensibile le informazioni energetiche che riceve dall’ambiente. L’acqua è infatti in grado di registrare la vibrazione di una energia estremamente sottile, definita nella cultura giapponese Hado, ovvero il mondo delle energie sottili.

Il cristallo d’acqua è il segno che rende visibile l’influsso di questa sottile vibrazione, non visibile all’occhio umano, ma in grado di influenzare la materia. La prima serie di fotografie che Masaru Emoto fece, proveniva da acqua presente in natura. Acqua di fiumi, laghi, sorgenti e ghiacciai raccolta da lui stesso e da amici in giro per il mondo. Alcune acque formavano delle bellissime strutture geometriche, simili a fiocchi di neve; altre acque creavano delle forme non armoniche e persino brutte.

Entusiasmato dal fatto che l’acqua sembrava veramente mostrare nella sua struttura la differenza fra acqua buona, non inquinata, ed acqua oppressa da sostanze chimiche e maltrattata dall’uomo, Masaru Emoto si mise a fotografare acque di acquedotti di tutto il mondo. Anche qui l’acqua parlava chiaro. Nelle grandi città, dove l’acqua è fortemente carica di sostanze chimiche provenienti da detersivi, saponi, cosmetici, ogni tipo di industrie ecc., non forma dei bei cristalli, ma strutture amorfe che comunicano la mancanza di chiarezza e bellezza presenti invece nell’acqua della natura non influenzata dall’uomo.

E’ molto interessante notare che l’acqua di rubinetto di Buenos Aires e di altre grandi città dell’America del Sud con un alto grado di inquinamento, riescono a formare dei cristalli abbastanza armonici. Sembra infatti che lo stress e il malumore delle persone che vivono nelle città possano influenzare la cristallizzazione dell’acqua più delle sostanze chimiche.

Attraverso il lavoro geniale di Masaru Emoto, l’acqua ci offre un’altra occasione di riflessione per accettare e capire che, secondo la fisica quantistica, nella vita tutto è oscillazione e informazione.

Per approfondire lo studio di questo effetto, Emoto ebbe l’ispirazione di fare ascoltare all’acqua della musica per poi vedere la sua reazione attraverso la fotografia. Il passo seguente di Masaru Emoto è consistito nell’analizzare le reazioni dell’acqua esposta a immagini e a parole scritte, ad influenze, quindi, non più percepibili come nel caso della musica. In questi esperimenti il dott. Emoto ha esposto l’acqua distillate a parole belle come “amore”, “gratitudine”, “grazie” e così via. Poi ha confrontato l’acqua anche con delle parole brutte tipo “stupido”, “demonio”, “mi fai star male” ecc.

La parola scritta è un simbolo visibile dei pensieri e dei sentimenti ed è perciò carica di vibrazione informazione.